Summit del Credito 2019

Team Advisor , sarà presente il 5 dicembre 2019 al Summit sul credito e sulla mediazione creditizia.

Sai chi è un mediatore creditizio e cosa può fare per la tua azienda ?

Il mediatore creditizio è colui che, nella forma di società per azioni, società in accomandita per azioni, società a responsabilità limitata o di società cooperativa, mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari con la potenziale clientela per la concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma.


Perché  è importante affidarsi ad un mediatore creditizio anche per finanziare la Vs azienda?

1)   Svolgiamo una vera e propria attività di consulenza che mette in contatto con gli istituti di credito al fine di ottenere la concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma alle migliori condizioni possibili e secondo le specifiche esigenze dell’azienda.

2)     Abbiamo una approfondita conoscenza degli istituti bancari, siamo quindi in grado di individuare più facilmente quelli che possano essere interessati al progetto di sviluppo proposto.

3) Lavoriamo in sinergia con i principali Consorzi Fidi , aumentando quindi in maniera esponenziale le possibilità di accesso al credito. L’utilizzo dei Consorzi di garanzia , porta in un primo momento un aumento dei costi, ma nel lungo periodo garantirà sicuramente una maggiore stabilità finanziaria con un netto miglioramento del rating del’azienda ed un conseguente risparmio di interessi e spese bancarie.

4)    Svolgimento la nostra attività in condizione di totale indipendenza , facendo quindi i reali interessi della Tuoi e della tua Azienda.

Tornano a correre le domande di mutuo e surroghe

Ottobre boom per le richieste di mutuo e le surroghe. E’ quanto emerge dal Barometro CRIF, secondi cui le richieste di nuovi mutui e surroghe segnano un +18,4% rispetto allo stesso mese del 2018.

“Indubbiamente l’irrobustimento della crescita – sottolinea CRIF – rappresenta un elemento positivo per il mercatodopo 3 trimestri improntati alla prudenza, con una dinamica complessiva influenzata dal recupero dei nuovi mutui ma, soprattutto, dalla ripresa delle surroghe stimolate da tassi applicati che negli ultimi mesi hanno toccato i nuovi minimi“.

Assieme alle domande cresce anche l’importo medio richiesto, che nel mese di ottobre si è attestato a 133.600 Euro, con un incremento del 4,2% rispetto al corrispondente mese del 2018. In termini assoluti si tratta del valore più elevato fatto registrare negli ultimi 7 anni dopo il picco del giugno 2012, quando la media dei mutui richiesti era risultata pari a 133.074 Euro.

Relativamente alla distribuzione delle richieste per fasce di importo, a ottobre le preferenze degli italiani si sono concentrate prevalentemente nella classe 100-150 mila Euro, con una quota pari al 29,7% del totale. Relativamente alla durata dei mutui, invece, il mese di ottobre ha visto le preferenze orientarsi verso piani di rimborso nella fascia 16-20 anni, che arrivano a spiegare il 25,4% del totale delle richieste.

Sostegno concreto alle imprese

Protagonista l’Agricoltura – Strumenti a sostegno dello sviluppo delle Aziende Agricole


Due prodotti ideati e strutturati per dare subito liquidità alle aziende agricole in collaborazione con i Fondi Europei di Investimento

PDF Embedder requires a url attribute

FONDO DI GARANZIA PER PMI: 100 GIORNI DALLA RIFORMA

Il 23 Giugno la riforma del Medio Credito Centrale ha festeggiato i suoi primi 100 giorni da quando è entrata in vigore lo scorso marzo. Da allora sono state messe in atto nuove disposizioni operative del Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese, utili a sostenere e aiutare le aziende.

Un supporto concreto, dunque, che si è posto l’obiettivo di favorire l’accesso alle fonti finanziarie per le Pmi grazie alla concessione di una garanzia pubblica.

L’utilizzo del Fondo si è dimostrato importante perché ottenere il credito per le piccole e medie imprese non è sempre stato facile. Si è trattato, quindi, di una misura che intendeva spingere le banche a concedere un supporto vero e proprio, pensato per stimolare le imprese a progettare e sviluppare programmi di investimento e di espansione nel mercato.

Tante le novità apportate e che riguardano: le condizioni di ammissibilità, le modalità d’intervento, le disposizioni di carattere generale del Fondo di Garanzia per le Pmi e l’articolazione delle misure di garanzia.

La riforma ha ampliato la platea delle aziende che hanno potuto beneficiare di queste agevolazioni. Sono, infatti, più di 20.000 le imprese che sono state ammesse nei mesi di aprile, maggio e giugno all’intervento del Fondo di Garanzia, per un importo totale dei finanziamenti di oltre 3 miliardi di euro.
Una misura ideale pensata per far crescere le imprese italiane e portarle ad alti livell

CDP emettera’ il primo “ Panda Bond “

La Cina autorizzerà Cdp ad emettere ‘Panda’ bond, consentendo all’Italia di essere il primo tra i principali Paesi europei a vendere debito agli investitori nella Cina continentale.

“Possiamo confermare che Cdp potrà raccogliere capitale utilizzando i Panda bond”, ha detto a Reuters il vice presidente di Bank of China, Lin Jingzhen, a margine del Forum Italia-Cina in corso a Roma.

Un Panda bond è una obbligazione denominata in yuan, emessa da una società non cinese ma venduta in Cina.

Il presidente cinese Xi Jinping è arrivato giovedì a Roma per una visita di tre giorni durante la quale firmerà un accordo che farà entrare l’Italia nel piano infrastrutturale “Belt and Road”, nonostante l’opposizione degli Stati Uniti.

In parallelo sarà firmata anche una dozzina di altri accordi, secondo una fonte vicina al dossier.

Tra questi, Cdp dovrebbe firmare un memorandum d’intesa con Bank of China per cofinanziare aziende italiane che hanno già investito o sono sul punto di investire nel paese asiatico.

“Il programma Panda bond prevede più emissioni, emetteremo a brevissimo la prima tranche. Abbiamo già una completa copertura da parte delle imprese italiane interessate ad essere finanziate tramite la raccolta di questi strumenti”, ha detto a Reuters Nunzio Tartaglia, head di Cassa per le imprese, gruppo Cdp, a margine del forum Italia-Cina.

“Abbiamo riscontrato un forte interesse da parte delle imprese italiane. Per la prima emissione parliamo delle prossime settimane, parliamo più di settimane che di mesi”, ha aggiunto.

Sulle imprese italiane che saranno finanziate con la raccolta dei Panda bond, Tartaglia dice: “C’è prevalenza di mid corporate dai 50 ai 500 milioni di fatturato in euro. Sono imprese che operano nei settori classici del Made in Italy: meccanica, manifattura, fashion design”.

Ico e Consob

Consob, l’autorità italiana per la vigilanza nei mercati finanziari, ha sottoposto a consultazione pubblica una proposta per regolamentare l’emissione e la circolazione di cripto-asset, tra cui Initial Coin Offerings (ICOs) tramite piattaforme di equity crowdfunding.
 
La consultazione ha l’obiettivo di avviare un dibattito a livello nazionale in connessione con la diffusione delle ICO e, quindi, di crypto-asset nei quali investono i risparmiatori italiani. Con un atteggiamento sufficientemente aperto il documento di discussione della Consob, che si sostanzia in 15 domande aperte ai soggetti interessati, non vuole precludere e limitare le opportunità di un settore in costante evoluzione, avviando invece un confronto sui temi per dare sicurezza al mercato in prospettiva.
 
Le ICO rappresentano infatti “una modalità innovativa di finanziamento di attività che si realizzano mediante l’emissione e la successiva offerta al pubblico di token” generati avvalendosi della tecnologia blockchain. Queste operazioni, sottolinea Consob nel suo documento, “possono determinare negli acquirenti aspettative di rendimenti/ritorni economici rappresentati, a grandi linee, da proventi in via diretta, parametrati all’andamento dei ricavi, dei volumi di beni e servizi venduti o dei profitti dell’iniziativa imprenditoriale, e in via indiretta, correlati al potenziale apprezzamento del valore dei token negoziati in exchange dedicati”.
 
Perché – e questo è una premessa su cui Consob è chiara – di investimenti si trattache necessitano quindi di un’adeguata tutela del risparmiatore, ovvero di fornire “tutte le informazioni necessarie affinché i potenziali investitori possano valutare compiutamente gli investimenti proposti” e le modalità per liquidare gli asset in piena sicurezza e in un mercato neutrale.
 
Secondo Consob, gli operatori meglio posizionati per poter offrire professionalmente assistenza nella realizzazione delle offerte di cripto-attività a un numero potenzialmente indeterminato di investitori appaiono proprio i gestori di portali di equity crowdfunding, soggetti al regolamento specifico che rappresenta un modello d’eccellenza.
 
Con la consultazione di Consob, che fa trasparire le proprie posizioni, l’Italia si pone  al centro di una discussione a livello europeo, individuando un possibile strada coerente volta a attrarre innovazione e ponendo il Paese sulla buona strada per l’apertura di un dibattito e l’individuazione di soluzioni sostenibili.

Agroalimentare e digitale: binomio vincente

L’innovazione digitale e’ ormai protagonista nel comparto agroalimentare, settore che sperimenta soluzioni smart per aumentare la competitività e soprattutto migliorare qualità e tracciabilità del Made in Italy alimentare.

Sono già trecento le soluzioni innovative disponibili per supportare l’Agricoltura 4.0, intesa come utilizzo di tecnologie interconnesse per migliorare resa e sostenibilità delle coltivazioni, ma anche la qualità produttiva e di trasformazione e le stesse condizioni di lavoro.

Secondo i dati diffusi dall’Osservatorio Smart Agrifood della School of Management del Politecnico di Milano e del Laboratorio RISE (Research & Innovation for Smart Enterprises) dell’Università degli Studi di Brescia, infatti, sono le stesse startup a proporre soluzioni digitali nei settori agricolo e agroalimentare: ammontano a cinquecento le imprese attive a livello mondiale in ambito eCommerce (65%) e Agricoltura 4.0 (24%).

L’innovazione digitale è una leva strategica per il settore agroalimentare italiano, in grado di garantire maggiore competitività a tutta la filiera, dalla produzione in campo alla distribuzione alimentare, passando per la trasformazione – afferma Filippo Renga, Direttore dell’Osservatorio Smart AgriFood -.

Il successo delle imprese agricole passa sempre di più dalla capacità di raccogliere e valorizzare la grande mole di dati che si genereranno, soprattutto per ottenere il controllo dei costi e l’aumento della qualità della produzione. Va evidenziato comunque che tra gli attori del settore emerge ancora poca chiarezza su come sfruttare queste opportunità; un segnale che serve investire nella creazione di sane competenze, al di là delle mode.

Molto evidente, inoltre, è l’impatto del digitale sulla tracciabilità alimentare, tanto che il 30% delle imprese che adottano soluzioni digitali di tracciabilità – sono 133 le soluzioni tecnologiche per la tracciabilità alimentare disponibili sul mercato italiano – ha rilevato un calo degli errori di inserimento dei dati e del rischio di manomissione.